martedì 23 ottobre 2012

Cara Ministra

Fonte: Choosy sarai tu


Cara Ministra Fornero,

oggi su facebook ho letto vari commenti indignati dei miei amici per un'affermazione che lei hai fatto su noi giovani italiani: "non siate choosy". Bene, oltre ad averci dato dei bamboccioni ora ci viene detto che facciamo pure gli schizzinosi quando si tratta di cercare lavoro.

Cara Ministra, grazie al cielo certe cose le vengo a sapere dai miei amici su Facebook e mi posso così evitare tutta la spazzatura mediatica di tv e giornali, dal momento che non risiedo più nel Belpaese ma sono emigrata oltralpe in cerca di una vita migliore e soprattutto di un lavoro. Per fortuna, aggiungerei.

Ora le racconto un piccolo aneddoto, cara Ministra, poi riparliamo dell'essere choosy.
Che poi non capisco perchè ha dovuto usare un termine in inglese. La fa sentire più colta? Pensa che usando un termine straniero mitigherà il suo insulto? Io ho studiato lingue, ne parlo 4 oltre all'Italiano, ma non per questo in ogni frase ci butto una parola in inglese, per fare la figura di quella che ne sa.

Io sono stata la prima della mia famiglia a laurearmi. I miei nonni non hanno neppure la licenza media, i miei genitori hanno lottato per avere la maturità. Io mi sono fatta un mazzo così all'università, ho sempre preso voti altissimi, lodi dei professori, e per non gravare sulla mia famiglia (dato che mio papà faceva l'operaio e ci campava 5 persone col suo stipedio) ho fatto la pendolare per poter lavorare la sera in un bar. Non contenta, dopo la laurea triennale, ho deciso di proseguire con la laurea magistrale. Altro mazzo così, altri due anni di pendolarismo, tanti complimenti, bei voti sul libretto, tesi di laurea sperimentale che si è meritata il plauso di tutta la commissione e prontamente rubata dalla mia relatrice che mi ha fatto passare l'inferno mentre la scrivevo. Sono una dottoressa magistrale da 110 e lode. Mia mamma si è commossa quando mi hanno proclamata, perchè per lei è stato un orgoglio avere una figlia così brava e così capace, che ha fatto i sacrifici per studiare e alla fine ha raggiunto il traguardo con una soddisfazione enorme. Con i miei lavoretti part-time mi sono pagata pure il mio semestre di Erasmus, che mi ha spalancato gli orizzonti e aperto gli occhi su come le cose vadano male in Italia rispetto ad altri paesi europei.

Cara Ministra, io oggi vivo in Germania, dove ho un lavoro, posso permettermi di mantenermi una stanza, e tutto sommato ho una vita più che decente. A volte faccio fatica ad arrivare a fine mese perché i miei genitori non possono aiutarmi finanziariamente, ma sopravvivo, con mia grande soddisfazione, e questo mi basta.

Deve sapere, cara Ministra, che io non sono espatriata perchè volevo provare qualcosa di nuovo, per fare un'esperienza europea e poi tornare e contribuire al miglioramento del mio paese. No. Io sono letteralmente scappata, a gambe levate, non appena ne ho avuto la possibilità.

Io, cara Ministra, non mi sono mai permessa di essere choosy. Io non ho conoscenze importanti. Io ho fatto domanda per tirocini gratuiti solo per poter accumulare dell'esperienza, e nonostante il mio brillante curriculum accademico non mi hanno presa perché "3 in classifica, e noi prendiamo i primi 2", e non ho potuto nemmeno sapere secondo quali criteri viene stilata questa classifica perchè sono documenti interni riservati, e allora mi sono chiesta cos'avessero quei due prima di me se non le conoscenze nei posti giusti per potermi scavalcare? Oppure sono dei geni, chi dice niente.

Pensa che io mi sia arresa lì? Io ho iniziato a mandare curriculum in giro già prima di essere laureata magistrale. Per dimostrare di non essere choosy ho fatto domanda anche al Mc Donald, che cercava personale di base. Dalla mia avevo l'esperienza di lavoro nel bar durante gli anni dell'università. Lo sa cosa mi sono sentita rispondere quando ho portato il mio curriculum? "Sei troppo qualificata per questo lavoro. Non me lo lasciare neanche il tuo curriculum, non ci faccio niente". Io volevo solo fare i panini.

Insomma, se hai l'esperienza vieni discriminata perché non hai la laurea. Se hai una laurea (peggio ancora se magistrale!) vieni discriminata perché sei troppo qualificata o perché non hai abbastanza esperienza. Lo spiega lei, signora Ministra, a queste persone che chiedono l'esperienza a un neo-laureato che uno che studia per 5 anni all'università per forza di cose non ha abbastanza esperienza? Gli studenti non posseggono il dono dell'ubiquità: o lavoravo 8 ore al giorno o andavo a lezione. Se non andavo a lezione non potevo fare l'esame. Se non facevo gli esami non potevo laurearmi. E' un concetto così difficile da capire?

Che opportunità ha un ragazzo in Italia oggi? Glielo dico io Ministra: zero. Ma noi lo sappiamo e nonostante tutto non ci arrendiamo, lottiamo, non ci permettiamo di essere choosy ma il mercato del lavoro non ci vuole.

Ebbene, io dopo mesi di disperazione, frustrazione, speranze infrante e indignazione, un giorno ho deciso, così per scherzo, di inviare il mio curriculum all'estero. Tanto non mi vogliono in Italia, figuriamoci all'estero! E invece sono stata chiamata per ben 3 colloqui di lavoro. E allora sì che ho avuto la mia opportunità di essere choosy, potendo scegliere il lavoro che più mi piaceva.

Cara Ministra Fornero, io sono una dei tanti laureati che hanno preso tutto il coraggio che avevano, hanno fatto la valigia e sono scappati dall'Italia. Non perché mi andava, ma perché io non potevo più vivere, a 27 anni, ancora sulle spalle dei miei genitori, con tutta la frustrazione di avere le capacità ma di non ricevere neppure un'opportunità per dimostrare di valere qualcosa. Sono stata rifiutata addirittura da un mediocre fast food perché non ero adatta a fare i panini, perché la laurea era considerata un handicap.

Quando sento persone come lei, che campate sulle spalle dei contribuenti con i vostri stipendi d'oro, con i vostri privilegi e le vostre conoscenze nei posti giusti, mi bolle il sangue nelle vene per la rabbia. Perché io, come tanti altri ragazzi e ragazze, mi sono fatta e continuo a farmi un mazzo così per potermi sentire realizzata. Il fatto che io ora sia all'estero non vuol dire che viva nella bambagia: qua mi devo fare anche più mazzo degli altri, perché sono comunque una straniera e devo dimostrare ancora di più di essere migliore degli altri. Il caro Signor B., inoltre, ha reso la nostra reputazione all'estero davvero pessima, quindi devo lottare anche con i pregiudizi e le prese per i fondelli.

Cara Ministra Fornero, la smetta di essere petty / mean. Mi perdonerà se, dall'alto della mia Laurea magistrale con lode in lingue, mi permetto di usare due parole in inglese, per darmi un tono. Si concentri sul suo di lavoro, che è quello per cui noi la paghiamo profumatamente.

Povera Italia...


6 commenti:

  1. Ovazione a furor di popolo per questa perla! E ho detto tutto.

    RispondiElimina
  2. Mi unisco al buon Torquitax.

    A.

    RispondiElimina
  3. Sono perfettamente d'accordo con te, vivere in italia sta diventando un problema, sempre di più per i giovani, ma da qualche anno un po per tutti. Non c'è davvero più futuro, e sentire le fandonie che dicono questi politici fa solo che ribollire ancora di più il sangue.
    Viele Grüße aus Verona

    RispondiElimina
  4. Ti scrivo dall´ ostello dove sono ora a Monaco. Purtroppo fra 2 giorni devo lasciarla senza nessuna certezza di tornarci. Ma sicuramente non mi daro´ per vinto e continuero' a provarci con questa storia dell´espatrio, perche´ oramai l´Italia non ha piu'nulla da offrire, e queste dichiarazioni sono la dimostrazione che la goccia e'caduta in un bicchiere gia colmo. 110 e lode per questo post, dimostrazione che la gente che si fa il mazzo c´e eccome ed e'oltraggioso sentirsi dire certe cose...

    RispondiElimina
  5. Perfettimi di pubblicare questo post su facebook. Complimenti!

    RispondiElimina
  6. Grazie per i commenti di supporto, siamo in tanti a farci il mazzo e siamo stufi di essere denigrati così da chi invece dovrebbe proteggere i nostri diritti. Quando ce vò, ce vò!!!

    RispondiElimina

Caro viaggiatore, fermati e lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...