domenica 21 ottobre 2012

Oktoberfest

Only 5 minutes here at the Wiesn and already received 2 liter beer as present from two nice guys from Holland. Love Oktoberfest atmosphere!


Questo post arriva un po' in ritardo causa immensa mole di lavoro e pochissimo tempo per mettere insieme un post decente... ma meglio tardi che mai!

Dicevo... Oktoberfest! Chi non lo conosce? Non è forse la festa più famosa del mondo?

Qui a Monaco è LA festa. L'atmosfera che si respira a Monaco durante le 3 settimane di bagordi è a dir poco speciale. Tutto ebbe inizio nel lontano 1810, quando il principe di Baviera Ludwig I. prese in sposa la principessa Therese Charlotte Luise von Sachsen-Hildburghausen e per festeggiare fece organizzare una corsa di cavalli in quello che una volta era un grande prato fuori dalla cinta muraria della città, il Wiesn, ribattezzato poi Theresienwiese in onore della sposa, e alla quale fu invitato tutto il popolo. Negli anni successivi la tradizione della Festa d'Ottobre venne ripetuta, finchè fecero la loro apparizione le tende delle 6 birrerie autorizzate, il luna park e tutto il resto.

E ora, dopo questa breve introduzione storica, arriva l'angolo delle curiosità e delle statistiche dell'edizione 2012!


6 birrerie ufficiali hanno il permesso di spillare birra all'Oktoberfest: Augustiner, Hacker-Pschorr, Hofbräu (che si legge "Hofbroi"), Löwenbräu (che si legge "Louvenbroi"), Paulaner e Spaten.

14 tende grandi o Festhalle e 21 tende piccole.

105.000 posti a sedere: di questi, 10.000 solo nell'Hofbräuzelt, e "appena" 60 nel Cafè Schiebl.

6,4 milioni di visitatori da oltre 70 nazioni hanno bevuto 6,9 milioni di boccali di birra; di questi, 111.000 hanno cercato di rubare un boccale ma sono stati fermati dalla Security. Pech gehabt!

4.500 oggetti smarriti: di questi 1.000 capi d'abbigliamento, 950 documenti d'identità, 570 portafogli, 400 chiavi, 480 cellulari, 300 paia di occhiali, 280 borse e zaini, 80 macchine fotografiche, 100 gioielli e orologi, 45 ombrelli. Curiosi ritrovamenti: pantaloni da uomo e 2 Lederhosen, 2 fedi nuziali, 5 computer portatili, 2 targhe di automobile, due corni (strumenti musicali), un apparecchio acustico, un babyphone, un tutore ortopedico, una racchetta da Ping Pong, una rivista Playboy con dediche delle Playmate dell'Oktoberfest, un cane (prontamente recuperato dal padrone).

29 bambini hanno perso i genitori in mezzo alla folla e presi in custodia dai Servizi Sociali di Monaco di stanza al Wiesn.

Wiesn-Hits: Brenna tuats guat, Tage wie diese, Fürstenfeld, Fliegerlied.

Fonte: Schlussbericht 2012 sul sito della città di Monaco.

Paulaner Winzerer Fähndl - After Work in VIP area... haters gonna hate!!!!!

E ora passiamo a Oktoberfest, istruzioni per l'uso:
  • Hotel di tutte le categorie sono al completo già mesi prima che inizi tutta la festa. Prenotare con molto anticipo aumenta le probabilità di trovare una camera a un prezzo accessibile (molti hotel fanno i "furbetti" aumentando le tariffe nel periodo dell'Oktoberfest).
  • Il modo migliore di raggiungere e lasciar l'Oktoberfest è in metropolitana, o ancora meglio a piedi. Naturalmente la metro sarà presa d'assalto, aspettatevi un grande ma educato fiume di gente. Tutt'intorno al Theresienwiese vige il divieto di transito per ogni sorta di veicolo che non sia della Polizia, dei Vigili del Fuoco o della Protezione Civile teutonica.
  • In ogni tenda ci sono settori con tavoli riservati e settori con tavoli chi-prima-arriva-meglio-alloggia. Durante l'Oktoberfest condividere un tavolo con altre persone è la normalità, ed è proprio questo il divertimento! Per prenotare un tavolo nei settori riservati bisogna contattare direttamente le tende con laaargo anticipo e avere taaaanta fortuna! In alternativa ci si può rivolgere ai cosidetti bagarini, ma i prezzi sono alle stelle.
  • Le tende grandi (Festhalle) possono ospitare fino a 6.000 persone al loro interno e nei tavoli all'aperto (nel cosiddetto Biergarten). Se gli addetti alla sicurezza decidono che c'è troppa gente, per ragioni di sicurezza chiudono tutte le porte e bloccano tutti gli accessi. Chi è dentro è dentro, chi è fuori è fuori, anche se siete usciti 5 minuti per prendere un po' d'aria o fumarvi una sigaretta. Un consiglio: se siete a zonzo per il Wiesn il tempo volge al peggio, fatevi furbi e rifugiatevi subito in una qualsiasi tenda prima che si barrichino dentro!!!
  • La tenda più "turistica" di tutte è l'Hofbräuzelt. A me personalmente non piace neanche un po'. La migliore birra si beve, a detta di alcuni miei amici bavaresi, all'Augustiner o alla Paulaner.
  • La seconda settimana dell'Oktoberfest si chiama Italienische Woche, la settimana degli italiani, perchè si registra la maggiore affluenza dal Belpaese.
  • Il costume tradizionale bavarese è il Tracht: Lederhosen (pantaloni di pelle) per gli uomini, Dirndl per le donne. Per i bavaresi è una cosa piuttosto seria, è quindi vietatissimo commentare, indicare o ridere del loro abbigliamento se non volete passare per dei buzzurri trogloditi maleducati!!!
  • La sezione "Bevande" del menù è breve: birra, birra analcolica, Radler (mix di birra e limonata), Apfelschorle (succo di mela frizzante). Ordinazione minima: 1 litro. Vabbè, l'acqua la trovate anche da 0,5l ma che diavolo andate a fare all'Oktobefest se bevete dell'acqua???
  • Ricordatevi che esiste una cosa che si chiama Bedienungsgeld, cioè la mancia per il cameriere che vi porta da bere (0,80-1 € circa). Obbligatoria.
  • Le tende aprono alle 10 e chiudono alle 23. Alle 22:30 l'orchestra suona l'ultima canzone e i camerieri passano per l'ultima ordinazione e vi invitano (gentilmente o meno, dipende dalla loro pazienza al momento) ad avviarvi educatamente verso l'uscita. Le tende più piccole rimangono aperte fino alle 23:30 circa. Potete continuare la festa nei tanti After-Wiesn-Party in giro per la città (ingresso 10 €, aperti fino alle 3-5 di mattina)!
  • Quando brindate con un tedesco si usa guardarsi negli occhi, dire Prost! e bere subito, senza sbattere prima il boccale sul tavolo!!! Attenzione alla beeriquette! ;-)

Una bella lista delle cose da fare e assolutamente da non fare all'Oktoberfest la trovate sul blog di Der Pilger!


Hacker-Festzelt: Himmel der Bayern!

Quest'anno io ho vissuto per la prima volta il Wiesn da monacense, da locale. Nonostante la folla immensa di gente che invade Monaco durante le 3 settimane, l'atmosfera è elettrica: tutti felici e contenti a brindare con una bella birra, anche quei tedeschi che magari di giorno hanno un lavoro noiosissimo che li rende persone tristissime che non ti rivolgerebbero mai la parola se non quando costretti. E' una bella sensazione, una grande festa per tutti. E gli ubriachi non sono molesti, al massimo si avvicinano a chiederti l'ora, o dov'è finito il loro amico Fritz, o ti regalano un fiore e ti fanno i complimenti perchè sei una bella ragazza (ma niente marpionaggine). Cosa che solo in Germania è possibile, secondo me.

Sono stata al Wiesn praticamente tutti i giorni. Solo 4 volte in 3 settimane sono andata con amici, per il resto ho dovuto accompagnare dei gruppi di lavoro in visita a Monaco per conto dell'agenzia per la quale lavoro. A volte mi è stato concesso di "divertirmi" con i clienti (tutto pagato, naturalmente!), altre volte mi sono dovuta limitare ad accompagnarli al loro tavolo, assicurarmi che fosse tutto a posto e congedarmi, augurandogli buon divertimento.

Ho avuto l'occasione di conoscere tante persone divertenti, da tutto il mondo, a volte solo per una serata, con cui ho chiacchierato, brindato, cantato e ballato! Un ragazzo bavarese poi è stato così galante da farmi fare un giro dell'Oktoberst da vera monacense: giostre, ruota panoramica, tirassegno, le immancabili mandorle pralinate e un'ultima birra prima della chiusura...

Need a beer... NOW!!!

Ecco le mie statistiche personali di questo Oktoberfest 2012:

visitato 7 tende

bevuto 15 litri / Maß di birra (inclusi quelli che ho bevuto "per lavoro")

divorato 6 polli arrosto, 2 Brotzeitbrettl, 7 Brezen e 500g di mandorle tostate

ricevuto in regalo 7 fiori e 2 pupazzi ;-)

accompagnato gruppi francesi, norvegesi, danesi, inglesi; fatto baldoria con olandesi, spagnoli, italiani e tedeschi

50 ore di lavoro straordinario

L'unico rammarico è non aver ricevuto nessun cuoricino di marzapane in regalo... c'è sempre tempo ai mercatini di Natale! ;-)


2 commenti:

  1. Ma si può avere un tempismo più fallato del mio? Sul più bello che potevo sfruttarti tutti i giorni in quanto detentrice di Gutscheine per l'Oktoberfest, no che mi tocca rimpatriare. Mi son mangiato le mani mentre leggevo. Non è giusto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, carissimo Torquitax, anche a me è dispiaciuto non poter andare insieme all'Oktoberfest e approfittare dei privilegi derivanti dal mio lavoro e faticosamente meritati!!! Hai lasciato Minga troppo presto!!! Pech gehabt! :-(

      Elimina

Caro viaggiatore, fermati e lascia un commento!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...